giovedì 1 gennaio 2009

WELCOME 2009













Frecce di fuoco piante dalla lavagna nera
del cielo,
detonazioni rosse di bombe come battiti
di un cuore impazzito
vecchi fantasmi a intonare canti lontani
che s'odono a stento
coperti dal chiasso di allarmi e sirene
svegliati
e dalle festose bocche odorose
di vino
ma puoi sentirli come nei tersi mattini
di maggio
se fai volare l'anima all'improvviso
leggera
a seguire la dorata ascesa
del ramo
di un salice piangente.


Nessun commento:

Posta un commento