mercoledì 23 settembre 2009

TORINO, TRA ARTE E MAGIA

La Mole Antonelliana




















Sulle gradinate della Chiesa "La Grande Madre", edificata dove un tempo sorgeva un antico tempio dedicato alla dea egizia Iside. Nei sotterranei di questa cattedrale è custodita una Vergine Nera. Sarà solo una coincidenza?
Ma non è finita quì.
Secondo alcuni l'angelo che sta di fronte alla statua che solleva il calice guarderebbe verso il punto in cui è custodito il Sacro Graal.

















































































































































































































































































































































La facciata del Palazzo Reale. Lela si trova proprio nel punto di energia più positivo della città, al centro delle due statue simboleggianti rispettivamente il Bene e il Male. E' facile, venendo in questo luogo, trovare persone che toccano la congiunzione tra le due catene nella speranza di ricaricarsi di energie positive!



















































































































































































































MUSEO EGIZIO DI TORINO



































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































Nessun commento:

Posta un commento