sabato 18 agosto 2012

LE PAROLE CHE NON TI HO DETTO





"Vorrei abbracciarvi tutti, amici miei, soprattutto quelli che ultimamente stanno attraversando grossi e importanti cambiamenti e non mi hanno avuta o sentita al loro fianco.
Se non sono stata lì fisicamente, di certo c'ero (e ci sono) con il cuore. Potrà non sembrarvi così, eppure è vero.
Non ho potuto, non posso, essere lì ad abbracciarvi in quegli importanti momenti, e non ci sono parole adatte da dire, nessuna frase che potesse o che possa mai sostituire questo, senza sembrare di circostanza, e quindi inutile. I giorni passano e ciò che avrei dovuto dire prima pesa ogni secondo di più, e le parole - al contrario - si svalutano in fretta.
Okay, non vale un granchè come scusa. Eppure ci sono, e vi sento con me sempre, ad ogni passo della strada."

Come può, un'amica, giustificare il proprio eclissarsi dalla vita di qualcuno che ama, proprio nei momenti in cui avrebbe dovuto essergli maggiormente accanto?
Io ho cercato di farlo così, sperando che - chi tante volte mi ha capito senza bisogno di parlare - questa volta riesca a comprendermi meglio di quanto non riesca a fare io stessa.
Non è la mancanza di amore a portarmi lontano; anzi, forse proprio il contrario.
Come potrebbe essere mancanza di amore, in fondo, se le persone a cui mi rivolgo sono pezzi così importanti della mia vita da essere praticamente delle mie estensioni?
Lo sono. O, almeno, lo sono state nel periodo della mia adolescenza, in quell'età in cui ci si può ancora legare indissolubilmente a qualcuno. Indissolubilmente. 
Dopo, più avanti negli anni, si possono formare alleanze, simpatie, persino amicizie ma, almeno secondo la mia esperienza, è una cosa diversa.
Questi anni brucianti di rivoluzioni ci hanno allontanato, siamo davvero "ognuno perso dentro i fatti suoi", come canta il buon Vasco, ma senza mai dividerci davvero. 
Vi ho appoggiato, vi ho amato, vi ho voluto bene. Poi vi ho lasciato andare, e vi ho odiato; vi ho persino detestato, ma erano soltanto le altre facce dei nostri diversi affetti. 
Cessato il fuoco di quei vividi sentimenti, ho potuto vedere che in quegli incendi nulla era andato davvero perso. 
Al di là delle divergenze, oltre l'Amore, al di là del tradimento, le fiamme degli anni trascorsi insieme hanno trasformato i sentimenti che mi legano a voi in diamanti purissimi, trasparenti ed eterni.
Nei vostri momenti importanti io avrei voluto essere con voi, in prima fila accanto a quelli che ora fanno parte a pieno titolo della vostra vita attuale.
Non ho potuto esserci.  In qualche modo, forse ho sentito che non era giusto essere lì, ad occupare quel posto accanto a voi: eppure non avrei potuto stare da nessun'altra parte, se non lì, al vostro fianco di spose e di madri. 
Avrei quindi dovuto esprimervi il mio affetto, la mia partecipazione, e con chiunque altro lo avrei certamente fatto. 
Ma non con voi, miei diamanti grezzi, cellule del mio essere, fondamenta di ciò che sono.
Quali parole avrei potuto donarvi? A cosa sarebbero servite? 
Così ho preferito tacere. Ho scelto di osservarvi da lontano, accontentandomi di guardarvi camminare, così belle e così diritte sulle strade che, purtroppo, non seguono più la mia. Sono orgogliosa di voi, di ciò che la vita vi ha reso, così come lo sono di me stessa.
Ecco perchè, nel mucchio dei bigliettini rosa, non avete trovato i miei auguri, care ed eterne amiche mie.
Ecco perchè non mi vedrete nelle foto, tra le altre persone vestite a festa.
Io non posso limitarmi ad augurarvi "buona vita". 
Io sono lì con voi sempre, asse muto e invisibile delle vostre fondamenta. E come voi, cerco anch'io di stare dritta lungo il cammino. 
Comunque vada, mi troverete sempre pronta a tendervi una mano se mai, durante il viaggio , il vostro passo dovesse vacillare. 


3 commenti:

  1. Comprendo perfettamente ciò che vuoi dire...lasciare liberi...ma esserci nonostante tutto.
    Un grande abbraccio
    Angie

    RispondiElimina
  2. Esatto, Angie! A volte non c'è altro modo per stare accanto a chi amiamo, nonostante ormai non faccia più parte del nostro quotidiano, se non osservarlo da lontano, ma senza perderlo mai...di vista.
    Oggi si è sposata una mia grande amica, e a mio modo, anche se a molti chilometri di distanza, io ero con lei, in prima fila, tra gli amici più stretti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un amico vero è sempre un amico, anche se è lontano.
      Un bacione
      Angie

      Elimina