sabato 1 marzo 2014

TOTENTAZ II

Offrirmi, Morte, il tuo dolce sorriso
dopo l'inferno sarà il paradiso.
Prendimi, dunque, amica sincera,
perché la gioia è ormai una chimera!
Vattene vita, dalla doppia faccia
perché la Morte soltanto mi abbraccia.
Toglimi, dunque, le tante pene
perché la vita mi ghiaccia le vene.
Per le creature di carne e di sangue
ogni speranza, ecco, già langue
e nella nebbia svaniscono i sogni,
siam troppo schiavi dei nostri bisogni!
Debole e inutile è ormai il coraggio
ché la Realtà ci reca l'oltraggio,
ecco la beffa che tutti incatena
troppo presente ormai è la pena!
Vattene vita, sparisci alla vista,
mettimi, Morte, nella tua lista!
La tua venuta soltanto io anelo,
non più la vita, squarciane il velo!
Temo la vita, non certo la Morte,
già sono chiuse tutte le porte.
Ecco! E' fuggita ormai la speranza!
Ha mille muri ormai questa stanza!

               (Gabriella Arpino)

Nessun commento:

Posta un commento