venerdì 30 dicembre 2011

LO ZODIACO



La ruota dello Zodiaco astrologico è una sorta di mappa ideale che circonda l'eclittica, all'interno della quale si trovano, divise in caselle di 30° ciascuna, le 12 costellazioni zodiacali. 
Bisogna distinguere tra zodiaco astrologico e zodiaco astronomico perchè, a causa della precessione terrestre, oggi essi non coincidono più. Infatti, se si sovrapponessero le due mappe noteremmo che, ad esempio, l'Ariete astronomico non si trova più allineato con quello astrologico ma si sovrapporrebbe a quello dei Pesci e, molto presto, a quello dell'Acquario poichè, a causa del moto precessionale terrestre, lo zodiaco dei segni retrocede in rapporto allo zodiaco delle stelle in senso antiorario.
Secondo l'Astrologia classica, comunque, bisogna continuare a fare riferimento allo zodiaco dei segni, sicchè ciò che fa di un Ariete un Ariete rimane la data di nascita compresa tra il 21 marzo e il 20 aprile, senza considerare il fatto che questo campo non si trova più di fronte alla costellazione corrispondente.
Non è mia intenzione dilungarmi troppo sulla parte tecnica relativa alla redazione di un tema natale, anche perchè ormai il metodo manuale, lungo e impegnativo, è stato sostituito dall'uso del computer: in rete è possibile reperire molti siti, anche gratuiti, che permettono di calcolare il proprio tema natale con pochi click, a partire dalla data e ora di nascita e naturalmente dal paese natale.
E' importante invece citare alcuni aspetti che sono fondamentali nell'interpretazione di un tema, come ad esempio le case, e gli aspetti che formano i pianeti tra loro.

IL GENERE

Ai segni zodiacali sono stati attribuiti i principi maschili e femminili in relazione al loro carattere attivo oppure passivo. Sono maschili (Yang) i segni di Fuoco e i segni di Aria, mentre sono femminili (Yin) quelli di Terra e Acqua.
I primi tendono ad essere estroversi e attivi, gli altri invece hanno una natura più riservata e ricettiva, quindi in armonia con l'energia Yin.
Ogni segno nella ruota dello zodiaco è affiancato da due segni di genere opposto al suo.

L'ELEMENTO

I dodici segni sono divisi in quattro gruppi a seconda dell'elemento di appartenenza.
Sono segni di Fuoco l'Ariete, il Leone e il Sagittario;
sono segni di Terra il Toro, la Vergine e il Capricorno;
sono segni di Aria il Gemelli, la Bilancia e l'Acquario e, infine, appartengono ai
segni d'Acqua il Cancro, lo Scorpione e il Pesci.

I segni di Fuoco esprimono l'energia, l'impulsività, l'irruenza maschile, il dinamismo e, come l'elemento stesso, sono caldi e secchi.

I segni di Terra, secchi e freddi, rappresentano la solidità, la costanza, il sacrificio.

I segni di Aria, caldi e umidi, indicano la mutevolezza, l'instabilità, l'evoluzione, il rinnovamento.

I segni di Acqua, freddi e umidi, rappresentano l'istinto, la sensibilità, la ricettività, la passività.

IL MOVIMENTO

Mentre l'elemento di appartenenza  fornisce informazioni sul tipo di energia manifestata da un segno, il movimento ci indica lo stato di trasformazione di tale energia.
A seconda che incomincino o fissino oppure chiudano una stagione, i segni sono suddivisi in tre categorie di movimento: Cardinali, fissi e mutevoli.

Cardinali: Ariete, Cancro, Bilancia, Capricorno.
Questi segni incominciano una stagione, e danno il via ad un nuovo ciclo. Rappresentano l'energia del nuovo inizio, il dinamismo di una nuova epoca.

Fissi: Toro, Leone, Scorpione, Acquario.
Questi segni si trovano nel mezzo di una stagione, e simboleggiano la pienezza, la tranquillità, la solidità del ciclo stagionale.

Mobili: Gemelli, Vergine, Sagittario, Pesci.
Con loro termina un ciclo, finisce una stagione e l'energia sta per cambiare. Rappresentano il mutamento di energia, il passaggio tra uno stato e l'altro.



Come accennato più su, ogni segno ha a disposizione 30° sul cerchio dello zodiaco. Si parte dall'Ariete, cui spetta la porzione che va dagli 0 ai 30°, si prosegue con il Toro, che si estende dai 30° ai 60°, e così via. La data e l'ora di nascita permettono di stabilire con esattezza in quale segno e in quale grado cade un determinato pianeta al momento della nascita.
I pianeti veloci, Mercurio, Venere e Marte, non potranno mai cadere troppo lontano dalla posizione del Sole, mentre questo non vale per i pianeti lenti, detti anche generazionali perchè, a causa della loro lentezza, impiegano decenni per spostarsi da un segno all'altro e dunque la loro posizione in un tema natale è condivisa da persone coetanee.
Ne consegue che i pianeti veloci caratterizzeranno maggiormente l'indole dell'individuo rispetto a quelli lenti, ma è anche vero che la lettura di un tema non si esaurisce nel sapere in quale segno cade un determinato pianeta. Bisogna infatti valutare la posizione che ogni pianeta occupa in relazione agli altri, ovvero i cosìdetti "aspetti".
Gli aspetti si dividono in aspetti maggiori e aspetti minori.
I primi sono 5, e sono: la congiunzione, l'opposizione, il trigono, il quadrato e il sestile.
La congiunzione si verifica quando due (o più) pianeti occupano lo stesso grado oppure tra loro vi è una distanza inferiore ai 10°. Questo aspetto, molto forte, indica una fusione tra le energie dei pianeti che vi partecipano, che risulterà armonica oppure fortemente contrastante a seconda della natura dei pianeti implicati e del segno in cui cadono.
L'opposizione si ha quando due pianeti si trovano ad una distanza di 180°, dunque in segni opposti. Generalmente l'opposizione viene considerata un aspetto fortemente dissonante, perchè mette in gioco due campi di forze opposte e complementari, ma non è detto che debba essere così: tutto dipende dai pianeti coinvolti.
Il trigono si verifica quando in un tema natale due segni si trovano a 120° gradi l'uno dall'altro, ossia a quattro segni di distanza. Ciò implica che i due segni in questione appartengano allo stesso elemento, e forniscano quindi lo stesso tipo di energia ai pianeti. Per questo motivo il trigono è considerato un aspetto armonico.
Il quadrato, invece, è un aspetto fortemente dissonante. Si ha quando i pianeti si trovano ad una distanza di 90° l'uno dall'altro con 6° di tolleranza, e sono quindi a tre segni di distanza. Questo aspetto non solo mette in relazione energie opposte (fuoco e acqua, aria e terra) ma si verifica sempre tra segni appartenenti allo stesso movimento: cardinale con cardinale, fisso con fisso, mutevole con mutevole.  In questo caso vi è una rottura del flusso di energia nell'individuo, per il quale si hanno due tenedenze in contrasto netto, inconciliabili tra loro.
Il sestile si verifica tra segni posti a 60° l'uno dall'altro, ed è considerato un aspetto armonico.
Gli aspetti minori, su cui non mi soffermerò, sono invece: il semisestile, il semiquadrato, il sesquiquadrato e il quinconce.

LE CASE

Le case sono 12, esattamente come i segni cui sono associate.
La casa I, che incomincia sotto la linea dell'Ascendente, è associata all'Ariete, la casa II al Toro, e così via.
Mentre il segno indica il tipo di energia attraverso cui si esprimeranno le tendenze planetarie di un soggetto, la casa in cui tali pianeti cadono indicherà il campo esistenziale in cui tale tendenza verrà impiegata.
Semplificando al massimo, se il pianeta indica cosa un individuo tende a fare, e il segno in cui il pianeta cade indica come egli farà o non farà quella determinata cosa, la casa in cui si trova il pianeta ci informerà di quale settore stiamo parlando, sia esso lavoro, amore, rapporto con gli altri, e così via.


Nessun commento:

Posta un commento